Stitichezza

Patologie proctologiche stitichezza

La stitichezza, conosciuta anche come stipsi è una condizione medica riferita ai movimenti intestinali delle persone. 

Si crede che una persona stitica sia una persona che non vada “di corpo” con frequenza, quantomeno non più di due o tre volte la settimana. 

Tuttavia non è solo la frequenza con cui una persona compie l’atto di defecazione a rendere una persona stitica. 

Si ha la stitichezza quando i movimenti intestinali sono:

  • poco frequenti
  • irregolari
  • dolorosi
  • lasciano un senso di svuotamento incompleto
  • portano a feci dure e secche

Come detto, quindi, la frequenza non è l’unico parametro per arrivare a definire una persona stitica. Quello è anzi un parametro soggettivo. Ci sono persone che evacuano tre volte al giorno e quelle che vanno a defecare tre volte a settimana.

Ma è la condizione successiva all’evacuazione che può definire la condizione di stitichezza. La difficoltà a espellere il bolo fecale è quello che ti rende stitico, pertanto parliamo anche di “ostruita defecazione”.

Essere stitici è una condizione molto comune nel mondo. Molte persone soffrono di stitichezza. 

Quali sono le cause della stitichezza

Ci sono diverse cause di stipsi. La principale riguarda sicuramente l’eccessivo assorbimento di acqua da parte del colon. Questa condizione fa sì che le nostre feci diventino eccessivamente dure, rendendoci, di fatti, stitici.

Alcune delle cause di stitichezza più comuni includono:

  • stress
  • scarso apporto di liquidi
  • dieta povera di fibre
  • stile di vita poco equilibrato
  • cambiamento dello stilo di vita
  • farmaci
  • sindrome del colon irritabile

Quali sono i sintomi della costipazione?

I sintomi della stitichezza possono variare da persona a persone. 

Tuttavia i segni più comuni della stipsi sono ad esempio:

  • movimenti intestinali irregolari
  • defecazione dolorosa
  • feci dure
  • gonfiore addominale
  • dolore addominale

Dal momento che questi sintomi sono comuni ad altre patologie, consulta sempre il medico di riferimento per un’anamnesi e una diagnosi corrette. 

Diagnosi di stitichezza

Diagnosticare la stipsi, o stitichezza, è compito del medico che valuterà di caso in caso. Ad esempio in base alle condizioni del paziente, alla sua età, al suo stile di vita e ad altri fattori quali:

  • la presenza di sangue nelle feci
  • perdita di peso 
  • cambiamenti significativi nel modo di andare in bagno

Per la diagnosi di stitichezza si inizia con la storia clinica del paziente, la cosiddetta anamnesi. Importante che il paziente racconti la sua storia medica minuziosamente soprattutto per quanto riguarda la durata dei sintomi, la frequenza dei movimenti intestinali, eventuali farmaci assunti o modifiche nella dieta.

Questo aiuterà il medico a individuare le possibili cause di stitichezza. 

Oltre all’anamnesi il medico può eseguire un esame fisico, nello specifico un esame rettale per valutare dolore, eventuali ostruzioni o presenza di sangue. 

Solitamente con anamnesi ed esame fisico il Medico può arrivare a diagnosi di stipsi. In alcuni casi può richiedere accertamenti ulteriori quali:

  • colonscopia
  • sigmoidoscopia
  • test di funzionalità anorettale
  • rx con clistere di bario

Come trattare la stitichezza

Il trattamento della stitichezza viene valutato dal Medico in base ad alcuni fattori chiave quali:

  • età
  • stato di salute generale
  • gravità della situazione
  • intolleranza a determinati farmaci o terapie

Di norma, il trattamento della stipsi passa dal cambiamento della dieta e dello stile di vita. 

Questo di solito è sufficiente ad alleviare i sintomi. Inoltre questi cambiamenti sono consigliati in termini di prevenzione della stitichezza.

In termini di dieta, il primo consiglio è quello di aumentare l’apporto di fibre. Almeno 25-30 giorno. In questo modo potrai ammorbidire le feci dure e alleviare i sintomi stitichezza. 

Fagioli, cereali integrali, frutta fresca e verdure, sono un ottimo modo per aumentare l’apporto di fibre.

Ricorda sempre di bere tanta acqua, ridurre lo stress e fare esercizio fisico per stimolare il movimento intestinale corretto.

Lassativi per la stitichezza

In alcuni casi specifici e secondo la tua storia clinica, il Medico potrebbe prescrivere l’utilizzo di lassativi. Questo avviene, in ogni caso, per un breve periodo di tempo e dopo che il cambiamento di dieta e stile di vita non ha avuto gli effetti desiderati.

Il Medico potrà anche consigliarti di eliminare, laddove possibile, alcuni farmaci che potrebbero essere la causa della tua stitichezza.

Biofeedback

Il biofeedback  è una tecnica utilizzata per trattare la stitichezza cronica dovuta da una disfunzione anorettale.

Con il biofeedback, si rafforzano e ristabiliscono i muscoli che controllano il rilascio dei movimenti intestinali.

Quali sono gli alimenti ricchi di fibre

Foods

Moderate fiber

High fiber

Bread

Whole wheat bread, granola bread, wheat bran muffins, Nutri-Grain waffles, popcorn

 

Cereal

Bran Flakes, Raisin Bran, Shredded Wheat, Frosted Mini Wheats, oatmeal, Muslix, granola, oat bran

All-Bran, Bran Buds, Corn Bran, Fiber One, 100% Bran

Vegetables

Beets, broccoli, brussel sprouts, cabbage, carrots, corn, green beans, green peas, acorn and butternut squash, spinach, potato with skin, avocado

 

Fruits

Apples with peel, dates, papayas, mangos, nectarines, oranges, pears, kiwis, strawberries, applesauce, raspberries, blackberries, raisins

Cooked prunes, dried figs

Meat substitutes

Peanut butter , nuts

Baked beans, black-eyed peas, garbanzo beans, lima beans, pinto beans, kidney beans, chili with beans, trail mix

Quali sono le complicanze della stipsi

Una stitichezza cronica o prolungata può portare alla malattia emorroidaria e conseguente sanguinamento anale. 

Feci dure e grossi sforzi nell’evacuare, possono, in alcuni casi, portare a prolassi e occlusioni fecali.

Per questo motivo, se noti delle irregolarità del transito intestinale, contatta il tuo medico di fiducia. Saprà indicarti cosa fare, inviandoti a visita dallo specialista Medico che in questi casi è solitamente il Proctologo. 

PRENOTA ORA
LA TUA VISITA

Dott. Andrea Boccolini
Proctologo – Pelviperineologo
Torna in alto